fbpx
fercam.com
Qual è il carrello elevatore più adatto alle esigenze della vostra azienda?

Qual è il carrello elevatore più adatto alle esigenze della vostra azienda?

Nella scelta di quale carrello elevatore fa più al vostro caso ci sono diversi fattori di cui tenere conto, dalla velocità di movimentazione alla capacità di stoccaggio.

Quale carrello elevatore scegliereI carrelli elevatori sono uno degli elementi fondamentali per la movimentazione delle merci nei magazzini e per le operazioni di carico e scarico dai mezzi di trasporto. La gamma di mezzi per la movimentazione interna è molto ampia e comprende:

  • transpallet manuali ed elettrici
  • carrelli elevatori o
  • carrelli commissionatori per carico e scarico, trasporto, magazzinaggio e stoccaggio, picking e traino.

La nascita del carrello elevatore viene fatta risalire agli anni venti del precedente secolo grazie all’inventore statunitense Eugene Clark. La sua diffusione è legata direttamente alla diffusione dell’uso del pallet avvenuto alla fine della seconda guerra mondiale. Nella sua versione base il carrello elevatore può essere a 3 o 4 ruote a seconda dell’utilizzo (3 ruote per le manovre in spazi ristretti, 4 ruote per gli utilizzi più gravosi). Le tipologie di carrelli elevatori sono numerose e ,in funzione di peso e altezza massima sollevabile, sono nell’ordine:

  • carrello elevatore controbilanciato elettrico o termico (frontale)
  • carrello retrattile
  • carrello commissionatore
  • carrello trilaterale.

Per la movimentazione con guida da terra vengono impiegati i transpallets a timone (manuali o elettrici), che rappresentano la soluzione più economica per ogni necessità di movimentazione a patto di non dover aumentare le unità di carico. In particolare il transpallet elettrico rispetto al carrello elevatore è caratterizzato da minore ingombro, in quanto sprovvisto di cabina di guida. Infine gli elevatori elettrici vengono utilizzati:

  • su percorsi brevi con guida da terra
  • su percorsi medi con guida combinata da terra/a bordo
  • su percorsi lunghi con guida a bordo
  • con portate da 1600 fino a 3000 kg e
  • altezze di sollevamento fino a circa 5 metri.

La scelta tra il carrello frontale, a forche retrattili o trilaterale è legata ai risultati che si vogliono raggiungere in materia di velocità di movimentazione, capacità di stoccaggio espressa in numero di unità di carico potenzialmente stoccabili e numero di movimenti medi al giorno.

Attualmente sul mercato si sta imponendo come formula alternativa all’acquisto, la formula del noleggio full rating comprensivi di manutenzione e mezzo sostitutivo in caso di necessità per interventi straordinari di manutenzione.

Lascia un commento