L’Echo Park di FERCAM: upcycling, biodiversità e inclusione
Le nostre news

L’Echo Park di FERCAM: upcycling, biodiversità e inclusione

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, presentiamo il primo risultato di FERCAM Echo Labs, non profit del Gruppo dedicata allo sviluppo sostenibile. L’Echo Park è stato realizzato grazie ad un progetto formativo che ha coinvolto 7 richiedenti asilo.
L’Echo Park di FERCAM: upcycling, biodiversità e inclusione
FERCAM Echo Labs, impresa sociale senza scopo di lucro fondata a dicembre 2021, si è sviluppata a partire da una semplice esigenza della sede di FERCAM Roma: realizzare con modalità ecosostenibili un’area relax a disposizione dei dipendenti e dei collaboratori, dove trascorrere una pausa rigenerante. Tutto è iniziato con due casse mobili obsolete, che sono state recuperate, riverniciandole e ricavandone uno spazio innovativo e accogliente: il primo FERCAM Echo Park. La pedana esterna, le fioriere che ospitano una molteplicità di piante e fiori amici degli insetti impollinatori – ad opera del partner Linaria, nonché tutto il mobilio dell’area sono stati costruiti a partire dal legno dei pallet non più riutilizzabili all’interno della filiera logistica.

Proprio le attività di lavorazione del legno sono state occasione di coinvolgimento e apprendimento per un gruppo di 7 rifugiati politici di origini africane. Grazie alla collaborazione con la Cooperativa Sociale Medihospes, ente gestore del progetto SAI (Sistema di Accoglienza e Integrazione) per ente locale Roma Capitale, i beneficiari richiedenti protezione internazionale sono stati coinvolti nelle fasi di progettazione e realizzazione dell’Echo Park, inaugurando così un percorso di inclusione sociale e formazione professionale. Con 216 ore di corso in eco-falegnameria, guidato da Laboratorio Linfa, ai partecipanti al progetto è stato rilasciato un attestato, utile per il reinserimento nel mondo del lavoro.

Al termine dei lavori, l’area è stata inaugurata durante una giornata dedicata alla condivisione, in cui sono stati coinvolti anche figlie e figli dei dipendenti e un gruppo di studenti del Liceo Amaldi, come protagonisti di laboratori dedicati a riciclo creativo e biodiversità urbana.
 
La Mission di FERCAM Echo Labs
Al centro delle iniziative di Echo Labs ci sono i programmi Corporate Social Responsibility di società partner, mossi in concerto in direzione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Minimo comun denominatore sono i 17 Sustainable Development Goals, linee guida transnazionali tracciate dall’ONU per la costruzione di un futuro di pace e prosperità globali e per la salvaguardia degli equilibri ambientali. La Mission di FERCAM Echo Labs è creare reti e sinergie, affinché grazie alla partecipazione attiva al laboratorio si renda possibile realizzare progetti che singole realtà in autonomia non avrebbero potuto intraprendere.
«La nostra intenzione primaria», spiega Dino Menichetti, che insieme a Bettina Baumgartner è al timone di FERCAM Echo Labs, «è sviluppare progetti di compensazione sociale e ambientale insieme ai nostri partner, per neutralizzare gli impatti conseguenti all’esercizio delle attività aziendali. Adotteremo modalità partecipative e inclusive, integrando formazione, pratica e ricerca. Prevediamo di iniziare da ciò che conosciamo e dal nostro territorio, stiamo già lavorando a progetti di intervento su scuole, biblioteche e parchi pubblici. E confidiamo di poter progressivamente allargare il nostro campo di azione».
 
Partner fondatori e supporter
FERCAM Echo Labs è stata ispirata e accompagnata nella definizione di obiettivi, progetti e modalità operative dal prezioso contributo di partner fondatori. A posare la prima pietra c’erano le non profit Linaria e Laboratorio Linfa, realtà esperte in biodiversità urbana e oggetti di design costruiti con materiali di recupero, insieme a Medihospes, che si adopera per intraprendere percorsi di integrazione sociale e crescita positiva. C’erano Prologis, Mediaservice Recycling e WorldMatic, che fanno della sostenibilità uno dei pilastri di sviluppo del proprio business e hanno offerto il loro contributo concreto e il loro supporto affinché FERCAM Echo Labs potesse muovere i suoi primi passi.

Racconta Michela Pasquali, Presidente e fondatrice dell’associazione Linaria: «Il nostro laboratorio permanente Echo Labs è concepito come pratica sperimentale e innovativa di intervento e come strumento di riflessione sul tema dello sviluppo di un'economia virtuosa e circolare. Operiamo attraverso la ricerca di soluzioni funzionali, sempre sostenibili ed ecologiche, maturate in una dimensione ricca di sfumature, sguardi differenti e mescolanze proficue tra culture e approcci eterogenei».

«La rete di FERCAM Echo Labs è fatta da realtà diverse ma unite dagli stessi obiettivi, che condividono il desiderio di poter influenzare il futuro del nostro pianeta, lasciandolo migliore di come lo abbiamo trovato. Contiamo che nel prossimo futuro il numero di partnership attive continui a crescere, così che ciascun progetto possa trovare applicazione su nuovi territori e l’ambito di intervento possa diventare via via più ampio», conclude Menichetti.

Per contatti e maggiori informazioni: www.echolabs.fercam.com