Fercam Blog
22 novembre 2017 - by: Paolo Sartor

La Supply Chain dell’oro verde

La supply chain del caffè è una catena articolata e complessa dove intervengono molteplici attori, dalla raccolta della materia prima fino alla consegna del prodotto finito

Supply chain del caffèIl caffè è uno dei prodotti più importanti nell'economia e nel commercio internazionale, viene coltivato in 70 paesi nella fascia tropicale e subtropicale di America, Asia e Africa tanto da rappresentare assieme al petrolio e all'acciaio la commodity regina del commercio internazionale. L'economia di molti paesi dipende principalmente dalle esportazioni di questo autentico "oro verde". La produzione mondiale di caffè è stabile negli anni attorno ai 6,8 milioni di tonnellate (pari ad un volume di 115 milioni di sacchi) per un volume d’affari di circa 50 miliardi di dollari (fonte: Osservatorio Internazionale Food Beverage Equipment). A partire dagli anni ‘90 il mercato ha subito una profonda ristrutturazione causata principalmente da due fattori: sviluppo tecnologico e ingresso di nuovi paesi produttori. L’aumento della produzione di caffè ha prodotto sul mercato due effetti prevedibili: il calo del prezzo medio del caffè verde e il peggioramento della qualità media del prodotto. Tutte le fasi della supply chain sono caratterizzate da una forte specializzazione che permette di realizzare consistenti economie di scala. Anche nelle fasi di commercio e trasporto si è assistito a questo fenomeno. La prima fase del trasporto del caffè avviene dalle piantagioni al porto d’imbarco e viene effettuato da agenti o società locali. I porti principali corrispondono essenzialmente ai delivery point accreditati dal Liffe di Londra per la qualità Robusta e dal Nybot di New York per la qualità Arabica. Il trasporto è di rilevante importanza, viste le caratteristiche peculiari del prodotto, ovvero aroma e degradabilità, in quanto può influire sulla degenerazione qualitativa del prodotto in due modi:
  • contaminazione del container a causa di infiltrazioni d’acqua, luce e/o residui di aromatici trasportati in precedenza
  • posizione del container sulla nave, come ad esempio la vicinanza ad altri container contenenti prodotti aromatici o la posizione sopra coperta,
potrebbero sottoporre il caffè a dannosi stress termici durante la spedizione, tali da renderlo legnoso in fase di degustazione.
Condividere
Scroll Down
OK I Cookies ci consentono di offrire il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Maggiori Informazioni